Crea sito
In Recensioni

I colori dopo il bianco – la recensione

I colori dopo il bianco

di

Nicola Lecca

Questa volta, come molti lettori, mi sono lasciata conquistare dai colori e dalla grafica di una novità editoriale. Tra le mani mi è capitato il romanzo I colori dopo il bianco, di Nicola Lecca, giovane scrittore cagliaritano con la passione per i viaggi.

Dopo un’accorta lettura, tesa specialmente a verificare l’erroneità o meno del mio intuito, o sarebbe meglio dire della golosità visiva che mi ha suscitato, non potevo non realizzare una recensione ad hoc.

Come suggeriscono già il titolo e la copertina, la storia trattata dal romanzo ruota attorno ai colori, mezzi, a mio avviso, alquanto efficaci, di cui si serve lo scrittore per comunicare e descrivere al meglio sensazioni ed emozioni, albergate nelle personalità che animano il libro.

libroMa ora, soffermiamoci sulla trama. I colori dopo il bianco si delinea, pian piano, per mezzo di Silke, ragazza di agiata famiglia, con uno spirito talmente ribelle, che le impedisce di vivere serenamente secondo le regole imposte dai suoi genitori, troppo strette per chi pretende la felicità, la realizzazione e vuole vivere in armonia con se stesso.

La protagonista, proprio per questo, si sente da sempre fuori posto: vivere nella sua famiglia apparentemente perfetta, terribilmente abitudinaria e relegata alle catene della propria condizione sociale, la disgusta e la tormenta a tal punto che, arrivata al limite, decide di trasferirsi momentaneamente a Marsiglia, in una città caotica, ma viva, lasciando dietro di sé le montagne, la rigidità e il grigiore di Innsbruck.

Nella colorata città francese, Silke appare come una ragazza piuttosto insicura, spaesata in quell’ambiente troppo rumoroso, agitato e criminale. I primi giorni non saranno facili ovviamente, la distanza tra Innsbruck e Marsiglia non si rifà solo a chilometri, ma alla diversità caratteriale, mentale, culturale e strutturale delle due città, che le fa figurare agli antipodi.

Silke però, non si lascia vincere dalla paura della diversità, dello sporco e dell’illegalità, che farebbero inorridire la sua famiglia e il modo di pensare a cui l’ha costretta suo padre, persona illustre nel panorama austriaco. Silke si impegna a combattere contro se stessa, contro i pregiudizi e la realtà che le si presenta ogni giorno. Ella sa che, oltre la barriera costruita dai suoi genitori, perfezionisti e puritani, esiste un mondo bello, pieno di vita e buono.

Nicola Lecca

Nicola Lecca

Dopo una serie di ostacoli, più interiori che fisici, la protagonista si troverà a crescere, ad ambientarsi e a capire meglio il senso della vita, del suo privare e dare, e soprattutto riuscirà a trovare una pace e una gioia che non credeva trovare mai, la strada giusta da percorrere per essere felice, il luogo dove delineare il suo mondo ideale, dove avere una rivincita e la libertà di essere finalmente se stessa, senza vergogna.

Questo romanzo lo consiglio a tutti i ragazzi, a tutti coloro che si sentono fuori posto e irrealizzati. I colori dopo il bianco è un monito alla vita, in tutte le sue forme, in quelle più cupe e in quelle più vivaci. Perché la vita è l’insieme del bello e del brutto, dove dietro il brutto si nasconde spesso il buono, e dove dietro il bello si nasconde il malvagio.

Recensione a cura di Sara Erriu

 

P.S. Se volete leggere l’intero libro, ecco il link per l’acquisto più economico: I colori dopo il bianco.