Crea sito
In Editoria

La poesia è di tutti: inaugurata la mostra de LaLettura

E’ stata inaugurata il 15 novembre alla Triennale di Milano la mostra del supplemento culturale “LaLettura”


Si tratta di un’esposizione dal titolo “La Poesia è di tutti. Linguaggi, azioni e visioni poetiche”, organizzata dall’inserto, con la Fondazione Corriere della Sera e curata da Gianluigi Colin e Antonio Troiano.

L’evento proporrà, fino al 15 dicembre a ingresso gratuito, “il linguaggio poetico nella sua sostanza pura o declinato in diverse forme”.

La Poesia è di tutti porta alla Triennale opere di importanti artisti che sono stati ispirati dai versi dei poeti: Jan Fabre influenzato dalla mistica Ildegarda di Bingen, Giosetta Fioroni, che rende omaggio all’amico Alberto Arbasin; Mimmo Jodice che traduce in fotografia i testi di Charles Bukowski e Cesare Pavese; e poi Anselm Kiefer che cita le parole di Ingeborg Bachmann e Joseph Kosuth quelle di Beckett; mentre i versi di Rainer Maria Rilke e di altri poeti hanno ispirato Ettore Spalletti (scomparso lo scorso 11 ottobre).

Protagoniste all’esposizione saranno anche le copertine poetiche dell’inserto LaLettura, che hanno ospitato “poesie visive” o che sono state realizzate da poeti e artisti come Nanni Balestrini, Emilio Isgrò e John Giorno.

Fonte: corriere.it

Ancora, presente la poesia che negli anni è stata proposta attraverso le pagine, le illustrazioni, le graphic novel e le fotografie (con i ritratti di grandi poeti italiani realizzati da Carlo Bavagnoli tra gli anni Cinquanta e i Settanta, ma anche quelli di contemporanei a opera di altri grandi nomi della fotografia).

Una sezione (curata da Achilli e Francesco Dondina) sarà invece dedicata alla rassegna Milano.poesia (1984-1992): un omaggio ad Antonio Porta (1935-1989) e Giovanni Raboni (1932-2004), storici collaboratori del «Corriere».

In mostra ci sarà anche il “Manifesto della Lettura” di Marcello Jori, un’opera poetica in due tavole che è una “dichiarazione pubblica di intenti e sentimenti privati”.

Si tratta di un programma in dieci punti in cui l’artista si prodiga in difesa della cultura, considerata come valore fondante per costruire un mondo migliore.