Crea sito
0 In La vetrina degli esordienti

Le vere origini di Halloween

Il libro nasce da un progetto ideato da quattro studiose italiane che hanno l’obiettivo di porre fine alle campagne discriminatorie sulla festa di Halloween e di fare luce sulle reali origini della celebrazione, che affondano nella cultura europea (anche italiana)


Le vere origini di Halloween” nasce nell’ottobre del 2013 dalla volontà delle studiose: Monica Casalini (autrice e articolista), Sarah Bernini (autrice e artista); Chiara Rancati (autrice e titolare del sito Sacre Radici) e Luce M. (co-fondatrice della rivista neopagana online Pimalaya).

Il progetto è sorto per porre fine alle campagne discriminatorie sulla festa di Halloween (della sua controparte religiosa Samhain), e di far luce sulle origini della celebrazione che affondano le proprie radici nella nostra cultura nostrana, europea e italiana.

Con il supporto di documenti storici e l’aiuto concreto di altri studiosi italiani, il sito e la pagina Facebook dedicati sono diventati meta fissa da parte di ricercatori, insegnanti, curiosi e di tutti coloro che vogliono approfondire le proprie conoscenze e condividere le proprie.

Dopo i primi due anni di intensa attività e di grandi traguardi sul panorama nazionale, le promotrici del progetto debuttano in libreria con un libro interamente dedicato alla celebrazione di Halloween e alle sue sfaccettature sociali e spirituali, focalizzando l’attenzione sulle tradizioni italiane e sul
folklore moderno.

Il libro, edito Anguana Edizioni, raccoglie testi scritti da 21 autori, studiosi e storici; le quasi 200 pagine che compongono il volume sono corredate da illustrazioni realizzate appositamente da tre artisti italiani.

Il testo è suddiviso in quattro sezioni: storica, moderna, tradizionale italiana e psicologica; in questo modo il lettore viene letteralmente accompagnato in un ipotetico viaggio dall’antichità ai giorni nostri affinché comprenda l’importanza della festa in termini sociali e spirituali. Comprensione che naturalmente non va ricercata solo verso Halloween/Samhain, ma anche verso tutte quelle tradizioni che non si conoscono, ma che in qualche modo si affacciano al nostro quotidiano.
Insomma un insegnamento più ampio rispetto a tutto ciò che non fa parte – o che pensiamo non faccia parte – della nostra cultura.

Dall’arcaica celebrazione dei defunti e del passaggio stagionale estate/inverno (Samonios o Samhain) vengono definite le situazioni socio-ambientali grazie alle quali la festività prese forma e si evolse nelle due forme che oggi conosciamo con i nomi di Halloween e di Ognissanti. Si giunge poi alla moderna celebrazione di Samhain nelle correnti neodruidiche e neopagane, in cui l’aspetto spirituale originale è ancora ben definito.

Si passa poi a osservare le tradizioni italiane che testimoniano la grande presenza della festa precristiana nel nostro territorio fino a tempi recentissimi e, in qualche caso, ancora presenti. Infine, il lato psicologico spiega al lettore perché Halloween non va demonizzata e nè negata
ai bambini e illustra l’importanza dell’affrontare il discorso del trapasso senza tabù.


Nessun Commento

Lascia un Commento