0 In News

Premio Strega 2022: eletti i 7 finalisti e la vincitrice della sezione Giovani. Ecco chi sono

Veronica Raimo con il suo “Niente di vero” ha conquistato il pubblico di ragazzi tra i 16 e i 18 anni. Ora grande attesa per la finalissima del 7 luglio


Si restringe la cerchia il cerchio di autori e libri in corsa per il Premio Strega 2022. Sono sette le opere che hanno passato il turno e risultano al momento finaliste, fino alla data determinante – il 7 luglio – quando si avrà la proclamazione del vincitore assoluto.

A proclamare i candidati nel corso di una serata dedicata che si è tenuta ieri, mercoledì 8 giugno, è stato Emanuele Trevi, presidente di seggio e vincitore dell’ultima edizione di uno dei premi letterari più importanti nel panorama italiano.


Finalisti ed eliminati

Gli autori e i libri che vedono la finale sempre più vicina sono quindi: Mario Desiati con Spatriati (che ha raccolto 244 voti),
Claudio Piersanti con Quel maledetto Vronskij (con 178 voti), Marco Amerighi con Randagi (175 voti), Veronica Raimo con Niente di vero (169 voti), Fabio Bacà con Nova (168 voti), Alessandra Carati con E poi saremo salvi (168 voti) e Veronica Galletta con Nina sull’argine (103 voti).

Gli autori e i libri che invece sono stati eliminati dalla gara sono: Alessandro Bertante con Mordi e fuggi (che ha conquistato 159 voti), Jana Karšaiová con Divorzio di velluto (124 voti), Daniela Ranieri con Stradario aggiornato di tutti i miei baci (122 voti), Davide Orecchio con Storia aperta (112 voti) e Marino Magliani con Il cannocchiale del tenente Dumont (57 voti).

Ora non resta che attendere l’elezione del vincitore che si svolgerà giovedì 7 luglio al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma e sarà trasmesso in diretta televisiva da Rai Tre, per la conduzione di Geppi Cucciari.


La vincitrice del premio Strega Giovani 2022

Parlando di vincitori, giunti a questo punto possiamo dire di avere già un vincitore, o meglio una vincitrice. Veronica Raimo con il romanzo Niente di vero, edito Einaudi, ha conquistato il podio della nona edizione del Premio Strega Giovani, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Strega Alberti con il contributo della Camera di Commercio di Roma e in collaborazione con BPER Banca.

La vincitrice è stata annunciata da Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione, durante la cerimonia che si è svolta al Pala Studio di Cinecittà. È stato Giuseppe D’Avino, presidente di Strega Alberti Benevento, a consegnare il premio.

Quello di Veronica Raimo, con 96 preferenze su 573 voti espressi, è stato il libro più votato da una giuria di ragazze e ragazzi tra i 16 e i 18 anni provenienti da oltre 100 scuole secondarie superiori distribuite in Italia e all’estero (Berlino, Bruxelles, Parigi). Al secondo e al terzo posto si sono classificati Alessandra Carati con E poi saremo salvi -77 voti -, e Claudio Piersanti con Quel maledetto Vronskij, 58 voti.

I tre libri più votati dai ragazzi ricevono un voto valido per la designazione dei finalisti alla LXXVI edizione. Concorrono infatti a ottenere il riconoscimento i dodici libri candidati al Premio Strega. Questa importante sezione si pone l’obiettivo di “diffondere la narrativa italiana contemporanea presso il pubblico dei giovani adulti, riconoscendone ed enfatizzandone l’autonomia di giudizio” affermano gli organizzatori.

La scelta di realizzare la premiazione negli studi di Cinecittà, nasce dall’esigenza della Fondazione Bellonci e di Strega Alberti Benevento di svolgere la premiazione per la prima volta davanti a centinaia di ragazze e ragazzi arrivati da tutta Italia.

Per concludere quindi il nome di Veronica Raimo arricchirà la lista di tutti i vincitori del Premio Strega Giovani. Il suo nome comparirà dopo i nomi dei precedenti vincitori, ovvero, Edith Bruck con Il pane perduto (2021), Daniele Mencarelli con Tutto chiede salvezza (2020), Marco Missiroli con Fedeltà (2019), Lia Levi con Questa sera è già domani (2018), Paolo Cognetti con Le otto montagne (2017), Rossana Campo con Dove troverete un altro padre come il mio (2016), Fabio Genovesi con Chi manda le onde (2015) e Giuseppe Catozzella con Non dirmi che hai paura (2014).

Foto in copertina di Musacchio Ianniello Pasqualini e Fucilla (www.premiostrega.it/)

Nessun Commento

Lascia un Commento