Crea sito
0 In Editoria

“La ragazza con l’orecchino di perla” compie 20 anni: l’omaggio di Neri Pozza a Tracy Chevalier

Neri Pozza

Tutti i libri della grande autrice americana con nuove copertine dall’inconico stile di Gatsby_Book


Chi non conosce Tracy Chevalier, l’autrice de “La ragazza con l’orecchino di perla”? La scrittrice statunitense ha venduto 10 milioni di copie in tutto il mondo e, neanche a dirlo, con la sua ultima fatica letteraria uscita a gennaio, “La ricamatrice di Winchester” è rimasta in classifica per ben sette mesi.

Ma questo che sto per raccontarvi ha a che fare proprio con il romanzo che l’ha resa celebre in tutto il mondo. L’autrice affascinata dalle atmosfere calde della storia, infatti, quest’anno festeggia un importante traguardo: “La ragazza con l’orecchino di perla” compie ben 20 anni!

Per festeggiare questo importante avvenimento, infatti, Neri Pozza ha deciso di pubblicare tutte le opere della grande scrittrice americana con una veste grafica iconica: quella della penna di Gatsby_Books.


Le nuove copertine

Dal 3 settembre sarà possibile acquistare tutte le opere “rivisitate” dalla casa editrice Neri Pozza. All’interno della collezione dedicata a Tracy Chevalier troviamo, oltre “La ragazza con l’orecchino di perla”, titoli di grande successo come “La Vergine azzurra”, “Quando cadono gli angeli”, “La dama e l’unicorno”, “L’innocenza”, “Strane creature”, “L’ultima fuggitiva” e “I frutti del vento”.

A unire le pubblicazioni, oltre la scrittrice, lo stile grafico delle copertine, che mette al centro la figura femminile di riferimento, con sfondi dai colori caldi. Ogni libro è possibile trovarlo in libreria e negli store online al prezzo di 9.90 euro fino al 3 ottobre.


Tutti parlano di Tracy Chevalier

Della grande scrittrice statunitense hanno scritto The Guardian (“Come sempre Tracy Chevalier si immerge nel periodo e nel luogo che racconta tratteggiando una variegata ricchezza di dettagli. La sua ricerca è meticolosa”), la Repubblica (“Il romanzo della società e dei personaggi che potrebbero aver dato la luce a sei grandi arazzi… un capolavoro di cui non si conosce l’origine”), Elisabetta Rasy (“Tracy Chevalier impagina la sua storia di emozioni agganciandola… ad alcuni temi emergenti dell’epoca, ai quali la figura di Blake, come un filosofico deus ex machina, si incarica di dare un senso”) e Il Corriere della Sera che ha ribattezzato l’opera “Quando cadono gli angeli” come un romanzo di “amore e morte ai tempi delle suffragette”.

Nessun Commento

Lascia un Commento